Sigaretta elettronica: rimedio efficace contro il fumo o semplice surrogato?

smettere di fumare sigaretta elettronica
Come smettere di fumare con la cigaretta elettronica, è stato già trattato anche all’interno del nostro sito, ma adesso ci vogliamo interrogare se questa è realmente un efficace metodo per smettere di fumare o invece è un semplice surrogato.

Ad oggi non esistono ancora risultati scientifici che ne attestino la validità e la bontà, ma nonostante ciò, in Italia sono più di mille i punti vendita che negli ultimi anni hanno aperto i battenti. Si calcola infatti che attorno a questo business, ruoti un indotto di circa 250 milioni di euro. Cifre che fanno spalancare gli occhi e che dovrebbero farci almeno riflettere.

Non è che ci troviamo di fronte all’ennesima trovata di marketing che fa leva sulla debolezza e sulla vulnerabilità dei fumatori pronti a spendere qualsiasi cifra pur di liberarsi di uno dei vizi più antichi del mondo e fra i più dannosi per la salute? Forse è presto per tirare conclusioni affrettate visto che, nonostante il brevetto risalga addirittura al 1963, non esiste nè una copiosa sperimentazione clinica nè una normativa che regolamenti la produzione e la distribuzione della sigaretta elettronica.

Parlando comunque di cifre, il prezzo per acquistare una sigaretta elettronica varia dai 30 a i 130 euro, a seconda della marca e del modello, mentre le ricariche che durano circa una settimana, costano dai sette ai 20 euro.
Queste le cifre per comprarla in uno dei qualsiasi punti vendita autorizzati; è possibile risparmiare qualcosa comprando online anche se non si ha la certezza del prodotto acquistato: il rischio è di comprare un prodotto contraffatto contenente sostanze dannose. e’ importante quindi accertarsi che la sigaretta riporti il marchio di conformità Ce, ovunque venga acquistata.

Al di là dei costi, un altro dubbio lecito è che la sigaretta elettronica sia comunque dannosa sulla salute. Infatti il Ministero della Salute aveva interpellato l?istituto superiore della sanità, per esprimersi al riguardo.
E’ emerso che le e-cig hanno comunque un contenuto di nicotina, quelle che lo hanno, la cui quantità non è tale da escludere danni sulla salute, come dire…fanno meno male delle sigarette ma non sono del tutto prive di controindicazioni, tanto è che in alcuni locali, oltre a non essere ovviamente consentito il fumo, non sono ammesse neanche le sigarette elettroniche, proprio perchè non se ne conoscono bene gli effetti anche da un punto di vista del fumo passivo.

Esistono poi dei rischi di tipo psicologico legati alla sigaretta elettronica: infatti se da un lato può essere vista come uno strumento per smettere di fumare, dall’altro, data la sua massiccia diffusione anche tra divi e celebrità, si pensi ad esempio a Jack Nicholson, Leonardo Di Caprio, Kate Moss, può indurre chi non fuma ad iniziare ad usare l’e-cig per essere alla moda.

Se comunque qualcuno ha una testimonianza positiva da raccontare, saremo ben lieti di pubblicarla.

Questa voce è stata pubblicata in Dimagrire e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>