Perchè fare sport la mattina presto fa dimagrire

camminare dimagrire

Oltre ad essere l’unico momento a cui una persona che lavora durante il resto del giorno può dedicarsi, allenarsi la mattina presto è particolarmente indicato specie se l’obiettivo è dimagrire più velocemente.

Uno studio condotto dall’università del Kansas, ha confrontato la percentuale di grassi consumata dopo un allenamento mattutino e al termine di uno serale ed è emerso che mentre nel primo caso veniva bruciata una quantità di grassi pari al 67% del dispendio energetico totale, nel secondo caso questa percentuale scendeva fino al 50%. i risultati venivano poi amplificati se lo sport veniva praticato a digiuno.

Tutto ciò trova fondamento nel fatto che al mattino, la glicemia, quantità di zucchero nel sangue, è più bassa, per cui i muscoli avendo a disposizione poche riserve zuccherine, attingono dalle riserve di grasso per produrre energia. A maggior ragione, per bruciare più grassi è consigliabile fare colazione dopo l’allenamento, facendo però attenzione, soprattutto nei soggetti non abituati, a non incorrere in problemi di ipoglicemia che possono causare senso di vertigini, sudorazione fredda, mal di testa, formicolii fino ad arrivare allo svenimento. Per questi individui si consiglia pertanto di portar con sè alimenti ricchi di zuccheri, come la frutta, da assumere in caso di emergenza.

Per essere efficace l’allenamento deve essere di un certo tipo e prevedere una fase di riscaldamento ed una dove l’attività fisica e il lavoro aerobico si intensificano.

Come riscaldamento possono essere sufficienti dai 15 ai 20 minuti di corsetta o di camminata a passo svelto, dopodichè si passa ad una corsa più intensa per 5 minuti a cui si aggiungono altri 10 minuti di corsa ad andatura media. La fase successiva prevede di percorrere per due volte un kilometro in 7 minuti e dopo 5 minuti di pausa, in cui è consigliabile continuare la camminata, riprendere la corsa per 3 kilometri da coprire in 21 minuti. Questo programma è indicato per chi non ha eccessivo bisogno di perdere perso, bensì vuole mantenersi allenato ed in forma.

Chi invece vuole perdere i chili di troppo oltre al riscaldamento, che prevede come sopra una ventina di minuti di corsa blanda o di camminata veloce, deve correre per almeno 50 minuti al 65% della propria frequenza cardiaca massima. Per rilevare la propria frequenza cardiaca è necessario dotarsi di un cardiofrequenzimetro che controlla i battiti del cuore durante l’attività fisica, mentre per calcolare il 65% della propria frequenza cardiaca, basta sottrarre a 220 l’età e moltiplicare il risultato per 0,65. Il numero ottenuto rappresenta il numero di battiti cardiaci che dobbiamo mantenere durante la corsa.

Dopo l’allenamento una sana colazione a base di latte o yogurt, cerali, fette biscottate o biscotti secchi e frutta, saprà compensare gli sforzi subiti e permettere di iniziare la giornata in slancio.

Questa voce è stata pubblicata in Fitness. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>