Peperoncino di cayenna per dimagrire: un tocca sana

peperoncino-per-dimagrire

Il Peperoncino di Cayenna può essere utilizzato per dimagrire vediamo la lunga storia di questa pianta meravigliosa . Il suo nome scientifico Capsicum anuum appartiene alla famiglia delle solanaceae la parti utilizzate sono i frutti maturi i costituenti più importanti da un punto di vista fisiologico e curativo sono dovuti alla presenza di carotenoidi (0,1-0,8%) che determinano il colore rosso: capsantina (35-50%), capsorubina (6-10%), violaxantina (7-10%), p-carotene (10-18%) ecc.

Sono presenti anche degli amidi acidi: capsaicinoidi (capsaicina come composto maggioritario) responsabili del sapore piccante; prodotti volatili (0.05-1,1%) infine anche saponosidi steroidici (semi) capsicoside A eD;

La presenza di flavonoidi; mono e oligosaccaridi fruttasio (5-9%), glucosio (1-3%), saccarosio (0,4-2%); lipidi , 30% (semi) albumine (4%) e vitamine,in particolare acido ascorbico (100 mg/100 g), lo rendono un integratore importante per migliorare la forza del sistema immunitario. Il perperoncino di cayenna è utilizzato a come rimedio naturale con uso topico soprattutto per le artralgie, nevralgie per assunzione con una tisana  invece è anche utilizzato per dimagrire poichè sembra che sia in grado di riattivare il metabolismo. Esistono più di 200 specie di peperoncino comunque il principio attivo più importante è la capsaicina che con le sue proprietà analgesiche è fondamentale per il successo di questa pianta. La funziona della capsaicina sembra lagata alla sua azione per lo più sui recettori amielinici nocicettivi periferici responsabili della trasmissione degli stimoli dolorosi. Le creme con estratti di capsaicina sono utili per trattare le lombalgie e i dolori reumatoidi.

Nell’alimentazione l’uso del peperoncino e quindi l’assunzione di dosi di capsaicina favorisce le funzioni digestive poichè stimola la secrezione gastrica di acido cloridrico, mentre ricordate che se troppo elevato quindi nei cibi tropo piccanti viene inibita la digestione. Gli studi sulla protezione della mucosa gastrica sono contrastanti in alcuni casi sembra favorire la protezione della mucosa stessa in altri il danno e la formazione a lungo di ulcere. Se uno però prende in considerazione l’uso massiccio del peperoncino in cucina indiana e vietnamita credo proprio invece che l’azione sia protettiva.

La cosa più importante per la capsaicina e del peperoncino è la stimolazione della corteccia surrenale e quindi la conseguente produzione di corticosteroidi che possono avere quindi un impatto sul metabolismo lipidico ed indurre quindi un dimagrimento . da rilevare l’elevato contenuto di vitamina c superiore a quello degli agrumi. La varietà dolce di peperoncino è utilizzata nelle deite dimagranti poichè non contiene calorie .

Questa voce è stata pubblicata in Dimagrire e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>