Obesità, ecco come combatterla

bimbi obesiL’obesità è uno delle piaghe del progresso tanto che negli ultimo decenni il numero di persone obese è lievitato. Il problema si è poi spostato anche sulle fasce di età più basse tanto che molti bambini già sotto i 10 anni al giorno di oggi sono obesi o rischiano di diventarlo.

L’obesità si porta dietro una predisposizione genetica tanto che se un bambino ha uno dei due genitori obesi, avrà circa il 40% di probabilità di diventare anche lui stesso obeso, mentre se entrambi lo sono, il rischio sale fino al 70-80%.
Al di là di quello che è il nostro bagaglio genetico, ci sono molti fattori che portano all’obesità, primi fra tutti sono sicuramente il cibo e la diseducazione alimentare.

E’ sbagliato pensare che per essere in forma ed in salute sia necessario essere perennemente a dieta: bastano infatti piccole accortezze per un’alimentazione sana ed equilibrata senza dover affrontare sacrifici enormi:

  1. aumentare il consumo di frutta e verdura;
  2. preferire prodotti integrali, come pane, pasta e biscotti, che hanno un indice glicemico più basso, apportano una grande quantità di fibre e aumentano il senso di sazietà;
  3. evitare fritture e condimenti cotti a favore di olio extra vergine di oliva a crudo;
  4. limitare l’uso del sale sostituendolo con spezie e aromi per insaporire i cibi;
  5. evitare alcolici e superalcolici anche se possiamo concedersi un bicchiere di vino a pasto, meglio se rosso;
  6. preferire cotture sane: al vapore, alla griglia e al forno;
  7. mangiare meno ma più spesso in modo da attivare il metabolismo;
  8. evitare snack e merendine ipercaloriche;
  9. limitare il consumo di dolci e zucchero;
  10. bere almeno due litri di acqua al giorno.

Non basta però comportarsi bene solo a tavola. Infatti è necessario abbinare ad una corretta alimentazione anche un’attività fisica non eccessivamente intensa ma costante.

Molte sono le persone che dopo aver passato tutto il giorno in ufficio davanti ad un computer, la sera arrivano a casa e si rilassano in poltrona davanti alla tv. Basterebbero 30 minuti di camminata 3 volte alla settimana per mantenere i muscoli in attività ed evitare di  veder diminuire la massa magra a favore di quella grassa, questo anche in virtù del fatto che con l’età la massa magra tende fisiologicamente a diminuire e quindi la tendenza è di ingrassare.

Anche per chi non ha tempo da dedicare allo sport, è possibile assicurarsi un pò di movimento limitando l’uso della macchina, dell’ascensore e delle scale mobili.

Inoltre è buona norma educare già da piccoli i bambini allo sport: un bambino pigro in età adolescenziale, sarà un adulto sedentario che avrà probabilmente con problemi di peso.

Questa voce è stata pubblicata in Salute. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>