Malattie delle unghie: quali sono e come riconoscerle

malattie unghie
Bisogna ammetterlo le mani sono il passaporto della bellezza, mani curate, belle, morbide sono un ottimo biglietto da visita sia per le donne che per gli uomini.
Conoscere una persona vuol dire stringergli la mano ed è questo il motivo per cui, da qualche anno a questa parte, è di moda la cura delle mani e delle unghie sia da parte di donne che di uomini, anche perché questa parte del corpo è particolarmente sottoposta agli agenti atmosferici e all’invecchiamento.

Ma le unghie non sono solo un elemento estetico per rendere più belle le nostre mani, possono essere anche un campanello d’allarme per patologie davvero molto gravi, quindi è sempre bene controllarle ed essere pronti a notare qualunque variazione di colore o forma.

Guardiamo allora quali sono le principali malattie individuabili attraverso le unghie:

  • unghie bianche con cerchi scuri, è molto probabile che siano in atto problemi come epatiti o malattie del sangue;
  • unghie bluastre sono spesso segnale di problemi al cuore;
  • unghie pallide posso significare problemi di carenze alimentari come anemia, mal nutrizione ma anche problemi al fegato;
  • unghie con striatura nera nel mezzo potrebbe trattarsi di un melanoma;
  • unghie  giallastre, potrebbe trattarsi della presenza di funghi.

Ma non è importante solo il colore, sono importanti anche l’aspetto dell’unghia e della pelle intorno: se la pelle attorno è arrossata e gonfia, si può trattare di un’infiammazione ma potrebbe anche essere lupus. L’unghia che si presenta striata verticalmente può significare presenza di artrite infiammatoria, mentre le unghie fragili possono essere legate
a problemi di tiroide.

Ovviamente questo non vuol dire che bisogna allarmarsi subito, appena si notano delle modifiche, infatti le unghie possono modificarsi anche per motivi di stress o alimentazione sbagliata.
Mangiare cibi con poco calcio , ferro , zinco o vitamine infatti può provocare fragilità e variazione del colore.

Aggiungendo alla propria dieta cereali, latticini, legumi,uova, pesce, germe di grano e riso integrale, frutta, verdura e bevande con molta acqua, si può evitare qualunque problema. Ricordate sempre che in condizioni fisiologiche normali le unghie dovrebbero apparire forti, brillanti, leggermente elastiche e rosate, se dopo aver riequilibrato l’alimentazione le unghie continuano a non essere sane, è sempre bene rivolgersi al medico o al dermatologo.

Malattie delle unghie: quali sono e come riconoscerle, 1.0 out of 5 based on 1 rating
Questa voce è stata pubblicata in Salute. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Malattie delle unghie: quali sono e come riconoscerle

  1. Simonetta scrive:

    Da tempo ho le unghie degli alluci staccate nella parte interna, ho fatto diverse cure, micotiche, integratori, cortisonici, smalti ma senza nessun risultato vorrei un consiglio, non so più che fare e a chi rivolgermi.
    grazie
    Simonetta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>