Ipertensione arteriosa cause e rimedi

ipertensione arteriosa

Stress, alimentazione scorretta, cibi troppo salati e troppo calorici, stile di vita sedentario, possono essere la causa dell’ipertensione. Accanto a questi si aggiungono altri fattori meno noti come il freddo, l’inquinamento acustico, l’eccesso di zuccheri e la qualità del sonno che incidono negativamente sulla pressione arteriosa.

Secondo recenti ricerche il freddo provoca un aumento della pressione che pertanto è più bassa nelle stagioni calde e viceversa in quelle fredde. Anche l’alta quota favorisce un innalzamento della pressione dovuto al restringimento dei vasi e all’aria più rarefatta. Questo non significa che in soggetti sani, la montagna o le basse temperature facciano male, soltanto chi è predisposto ad avere la pressione alta, deve prestare attenzione sia al freddo che all’altitudine, ad esempio riducendo il numero di ore di esposizione al freddo e mettere il corpo nelle condizioni di adattarsi in modo graduale al cambiamento di quota, magari facendo delle soste intermedie prima di arrivare in vetta.

Anche l’inquinamento acustico incide negativamente sulla pressione causando da una parte stress e dall’altra alterando il naturale ciclo di sonno-veglia. Infatti durante il riposo notturno, la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca si abbassano naturalmente, ecco che non dormendo non avviene questo calo fisiologico. E’ importante quindi tenere il volume basso di apparecchi come televisori, radio, mp3 specie se ascoltati in cuffia e nel caso abitazioni vicine a fonti continue di rumore, dotarsi di infissi con doppi o tripli vetri che schermino il frastuono esterno.

Così come il sale, anche lo zucchero, specie il fruttosio, innalzano la pressione arteriosa. In questo caso è necessario limitare il consumo di cibi troppo zuccherati come dolci e merendine, nonchè di bibite gassate e bevande zuccherine come succhi di frutta e alcolici.

Riposare bene e per almeno 6 ore continuative è indispensabile per non alterare il ciclo naturale sonno-veglia a cui si lega il ritmo normale della pressione arteriosa.

Infine è stato dimostrato che passare troppe ore davanti alla televisione o al computer, aumenta la probabilità di diventare ipertesi. Si pensa che questo sia dovuto al fatto che stare molte ore davanti a tv o pc presuppone uno stile di vita sedentario. Scontato quindi consigliare di fare più attività fisica, meglio se all’aperto, almeno 2 o 3 volte alla settimana per una durata di 45-60 minuti ad allenamento.

Questa voce è stata pubblicata in Salute. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>