Eliminare i carboidrati fa dimagrire: l’effetto è controproducente

eliminare carboidrati dimagrire

Eliminare i carboidrati dalla propria alimentazione fa dimagrire? In un certo senso no! Riportiamo una testimonianza che dimostra che questo tipo di dieta no carbo fa sì dimagrire ma rende anche più facile riprendere i chilogrammi persi con gli interessi.

“Ho fatto una dieta escludendo dalla mia alimentazione tutti i carboidrati, tranne un giorno alla settimana, in cui mi era permesso mangiare pane o pasta. In due mesi e mezzo ho perso circa 10 kg, poi ho dovuto interrompere la dieta perchè mi sentivo debole e non riuscivo più a concentrarmi sul lavoro. Il problema è che in poco tempo ho ripreso tutti i chili con gli interessi (due in più rispetto all’inizio). Eppure sono stata molto attenta a ciò che mangiavo, cercando di limitare le quantità, ma non c’è stato niente da fare. Perchè il mio corpo ha reagito così?”

Con il parere di un esperto rispondendo a questa domanda specifica dimostriamo che eliminare i carboidrati dalla dieta fa dimagrire solo a breve termine. “Ci sono precise ragioni biologiche che spiegano perchè questo tipo di diete danno buoni risultati all’inizio, con rapida perdita di peso, ma alla fine, ci riportano al punto di partenza. Anzi in molti casi ci ritroviamo in condizioni peggiori.

Il nostro cervello ed i globuli rossi per funzionare hanno bisogno di glucosio (lo zucchero presente nel sangue); a differenza dei muscoli non riescono ad adattarsi ad un carburante costituito solo da acidi grassi. Se improvvisamente smetto di mangiare i carboidrati (gli zuccheri complessi da cui si ricava il glucosio), il mio corpo inizierà ad utilizzare quelli di riserva depositati nel fegato e nei muscoli (sotto forma di glicogeno). Ma sono pochi spiccioli, dopo neanche un paio di giorni sono già finiti, e allora si renderà necessario mettere mano ai sostanziosi titoli bancari depositati nel grasso corporeo. Nel frattempo il mio peso sarà gia sceso di 1-2 kg, ma avrò perso solo il glicogeno e l’acqua ad esso associata. Dato che i grassi bruciano sul fuoco dei carboidrati, se non ho più a disposizione questi ultimi, il mio corpo sarà costretto ad utilizzare le proteine, smantellando i muscoli, compreso il cuore, e creando affaticamento per i reni, per eliminare le scorie azotate. E’ un po’ come se in una fredda notte d’inverno, avendo esaurito la legna da ardere (i carboidrati) cominciassi a fracassare i preziosi mobili antichi (le proteine) e li utilizzassi per sostenere il fuoco. E’ una soluzione che mi permetterà di sopravvivere e non morire assiderato, ma sicuramente non è una soluzione vantaggiosa. L’ago della bilancia scenderà molto rapidamente, ma il peso perso sarà rappresentato soprattutto dall’impoverimento della massa magra, con il risultato che il mio corpo deperirà ed inflaccidirà, riducendo anche la cilindrata del motore ovvero si otterrà un metabolismo basale basso. Questo è il motivo per cui, quando interrompo la dieta, anche se mi riguarderò nel mangiare, riacquisterò velocemente tutti i chili persi, ma stavolta saranno costituiti solo dal tessuto grasso e, rispetto alla partenza, il mio corpo oltre a pesare come o più di prima si sarà impoverito di massa magra”.

In definitiva non è un buon affare, è un po’ come fare due passi in avnti per poi ritrovarsi tre passi indietro.

In questo modo abbiamo visto come eliminare i carboidrati faccia dimagrire nel breve termine ma non è una buona soluzione in un’ottica definitiva, oltre ad essere nocivo per la salute.

Questa voce è stata pubblicata in Dimagrire. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>