Dieta del crudismo in pratica: basta mangiare cibi crudi?

mangiare cibi crudi
Direttamente dall’America la Raw Food o Crudismo è la nuova dieta che va per la maggiore tra i divi di Hollywood e che sta attirando l’attenzione di molti “comuni mortali”.

Dall’inglese Raw, grezzo/crudo, questo stile di vita alimentare predilige i cibi crudi appunto, come la frutta e la verdura, e gli unici metodi di cottura accettati sono il bagnomaria e la cottura a vapore, sempre che non superi i 4O°C. Uma Turman, Demi Moore e Mel Gibson rientrano nelle tante celebrità che adottano questo tipo di dieta che come ogni cosa ha i suoi pro e i suoi contro ed è fatta di veri e falsi miti.
La teoria dei “crudisti” si avvale di un unico principio fondamentale, quello per cui secondo loro il “cibo è vivo” e cuocendolo si perdono i principi attivi. Non solo, cuocendo il cibo sopra i 45°C si perderebbero molte vitamine, gli enzimi digestivi si distruggono e i minerali organici si trasformano in inorganici, diventando difficilmente assimilabili dall’organismo.

Sempre secondo i seguaci di questa dieta, l’abitudine dell’uomo di cuocere i propri alimenti è solo un retaggio culturale e un atto molto recente rispetto alla storia evolutiva dell’uomo che per molti anni è stato un crudista puro.

I crudisti sostengono difatti che l’uomo, essendo anch’egli un animale, dovrebbe comportarsi come il resto della fauna terreste che si nutre di ciò che la natura gli offre e gli rende disponibile sul momento.
Questo particolare stile di vita, oltre a far rimanere in forma, renderebbe il corpo più sano e longevo, offendo all’organismo un pieno di energia.

Se da un lato la cottura modifica profondamente le molecole del cibo che ingeriamo, diminuendone il potenziale, è altrettanto vero che ci difende da eventuali presenze di batteri e microorganismi; in alcuni casi elimina sostanze dannose per l’uomo, come nel caso dei cavoli che con la cottura perdono i glucosidi, molecole che inibiscono il funzionamento della tiroide.

E con la carne come fare? Sicuramente alla base della dieta raw food ci sono tanta frutta e verdura, ma alcuni tipi di carne e di pesce possono essere consumate tramite la cottura al limone, come ad esempio il macinato, oppure con la cottura al vapore.

PRO: alcuni studi hanno rivelato che chi adotta il regime crudista diminuisce il rischio di ipertensione, di obesità, di tumore e il manifestarsi di allergie.

CONTRO: la stessa inchiesta ha però evidenziato il rischio di amenorrea (mancanza di mestruazioni) a cui le donne vanno incontro visto la possibilità di andare sotto peso. Altri problemi sono stati riscontrati a livello dentale: mangiare cibi crudi infatti fa aumentare il rischio di erosione dei denti.

Come in molte cose la verità sta nel mezzo e il giusto approccio a questa dieta è quello di non cadere nell’estremismo. Il crudismo quindi va bene, ma nelle giuste dosi e per periodi molto limitati, magari per disintossicarsi e depurarsi. Una buona abitudine che offre questa dieta è quello di aumentare il consumo di frutta e verdura, spesso assunti nelle giuste quantità solo quando ci mettiamo a dieta stretta. Essendo un regime alimentare drastico, che tende a rivoluzionare la propria alimentazione, è bene avvicinarsi con cautela e affidandosi ad un nutrizionista per non far mancare niente al nostro organismo.

Ecco un breve schema alimentare di una dieta basata sul raw food:

Colazione: iniziare la giornata bevendo 2 bicchieri di acqua naturale. Assumere circa 200 ml di centrifugato di carote (o altri vegetali a piacere) con 1 cucchiaino di miele. Bere del té verde (è possibile anche qua aggiungere del miele), e un centrifugato di frutti verdi o una spremuta di arancia.

Pranzo: 200/300ml di centrifugato fatto con verdure a scelta, 100g di verdura di stagione, 300g di verdure di stagione crude condite, insalata con succo di limone.

Cena: vellutata di verdure fredda (le verdure vanno frullate crude con l’aggiunta di yogurt) preparata con cipolline, prezzemolo e limone per dare sapore. 300g di verdure cotte al vapore o a bagnomaria condite con un cucchiaino di olio e due bicchieri di acqua.

Il regime di questa dieta è davvero molto rigido quindi è da adottare per una settimana al massimo.

Questa voce è stata pubblicata in Diete. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>