Come stare seduti in ufficio: La verità sulla postura

Come stare seduti in ufficio, ci passate molta della vostra vita e la postura errata causerà nel tempo gravi problemi non solo alla schiena ma anche alle strutture organiche della zona lombare e addominale per la cattiva circolazione. In ufficio si sta seduti premendo bene le piante dei piedi a terra per resistere alla spinta del suolo e quella della gravità il petto è in fuori le braccia appoggiate. E’ fondamentale stare seduti ed alzarsi spesso per facilitare la circolazione sanguigna

Come-sedersi-in-ufficio

Molte persone passano più di 8 ore in ufficio seduti davanti al computer, credo sia fondamentale conoscere la postura corretta per evitare danni alla schiena e dolori al collo. Prima di affrontare l’effettiva postura corretta è bene capire il danno che provoca stare seduti a lungo nel modo scorretto.

Nel 1884 un signore di nome Staffel chirurgo ortopedico creò in Inghilterra ciò che oggi chiamano la sedia standard, con piedi e ginocchia ad angolo retto questa è una buona postura ma non è invece una buona posizione di lavoro considerando anche la crescita della media europea.

Come ci sediamo normalmente in ufficio:

il nostro modo abituale di sederci è quello di buttare un pò indietro la nostra sedia, raccogliere o stirare le gambe e appoggiarsi totalmente sul tavolo di lavoro, con il peso del busto, soprattutto per chi usa il computer e la tastiera o il mouse,  in asimmetria sinistra o destrorsa.

Questo nostro modo di sederci porta a tutta una serie di adattamenti della nostra colonna vertebrale e del bacino. La cifosi lombare aumenta ed è accompagnata da una lordosi cervicale compensatoria che va ad agire di conseguenza sulla schiena, apportando un irrigidimento della stessa. La mancanza di appoggio delle gambe a causa della flessione o estensione in avanti delle stesse, mette in moto la retroversione pelvica di fronte all’accorciamento eccessivo e la mancanza di elasticità della muscolatura posteriore.

La pelvi ruota sugli ischi e rilassandosi tende a cifoseare le l0mbari. Davanti all’anca lo psoas e gli iliaci  si rilassano, dietro l’anca tutto si tende, gli ischio tibiali e i poliarticolari. Poichè la cifosi lombare è una posizione non corretta, con il tempo tenderà a mettere in tensione i legamenti vertebrali e le articolazioni interapofisarie posteriori. Questo adattamento porta a dolori lombari , cervicali , mal di testa e può attraverso la fascia raggiungere anche altri distretti corporei inducendo una infiammazione localizzata.

Ma qualè allora il modo migliore per stare seduti in ufficio, la postura corretta per evitare quel dolore alla schiena a fine giornata?

Dobbiamo rispettare l’asse lombare. La schiena deve trovare una resistenza senza affossarsi in una grande cifosi, in modo da evitare la retroflessione pelvica dovuta al totale abbandono del peso sulla sedia quindi:

  • buon appoggio sulla parte posteriore delle creste iliache, quindi gambe a 90 gradi appoggiate
  • la respirazione è naturale con l’espirazione più lunga dell’inspirazione. COn l’espirazione forzata andremo a creare una leggera spinta sugli intestini favorendo un allungamento e massaggio.
  • evitare di accavallare le gambe dobbiamo mantenere l’appoggio per scongiurare la retroversione
  • braccioli sollevati e tavolo di appoggio inclinato favoriranno un alleggerimento del peso sulla colonna come le sedie balans

Un aiuto tecnico su come stare seduti in modo corretto in ufficio può essere dato in parte da questa sedia zen che facilita l’attenzione posturale e intellettuale, induce all’attenzione ed all’ascolto facilitando anche la postura seduta , in ufficio una sedia del genere sarebbe la soluzione migliore.

Come stare seduti in ufficio: La verità sulla postura, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Questa voce è stata pubblicata in Salute. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>