Come Rassodare interno coscia: esercizio usato da Madonna

Volete migliorare le vostre gambe, volete rassodare l’interno della cosce ed alzare i glutei? non esiste esercizio migliore di quello utilizzato da Madonna:

rassodare glutei

Affondi con i manubri alternati. Madonna insieme al suo personal trainer privato lo usa ogni giorno. L’importante è fare 15 minuti di corsa con un incremento di pendenza ogni 2 minuti ed un incremento di velocità ogni 2 minuti dopo i primi 5 minuti di riscaldamento .

Dopo si eseguono 4 serie di affondi con il kettlebell ad una mano , il peso deve essere tenuto sulla mano opposta a quella che esegue l’affondo. In questo modo di rassoda l’interno coscia ed il quadricipite.

Per rassodare l’interno coscia è fondamentale anche il seguente esercizio: in posizione sumo quindi con le gambe ben divaricate e le punte dei piedi rivolte verso l’esterno si eseguono degli affondi partendo già con le gambe flesse il kettlebell deve essere tenuto con entrambe le braccia tese di fronte a voi verso il basso , questo esercizio tende ad isolare il sartorio e l’adduttore muscoli fondamentali per l’interno coscia.

Unire questa serie di esercizi porta a consumare molta energia il glicogeno muscolare accumulato nella muscolatura e soprattutto la fosfo-creatina, in questo modo al momento che iniziate gli affondi con i manubri il vostro interno coscia è già parzialmente stressato e con gli affondi e le serie sumo potrà essere stimolato a fondo per aumentare la massa ma anche stimolare la formazione di collagene che tende a rendere la pelle più soda. Il collagene è infatti fondamentale per la formazione del tessuto fasciale che avvolge i muscoli mantenendo sodo e tonico il muscolo. Inoltre i muscoli coinvolti nell’esercizio di affondi per rassodare l’interno coscia e i glutei sono il gluteo l’adduttore, il vasto laterale ed il bicipite femorale l’azione congiunta di questi muscoli donano alla gamba una linea perfetta per un corpo in forma.

Questa voce è stata pubblicata in Dimagrire e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>