Come bruciare più calorie: 4 step da seguire

L’inverno è il momento giusto per bruciare più calorie poichè le temperature esterne rigide mettono a dura prova il nostro metabolismo che deve mantenere la temperatura corporea adeguata per la corretta fisiologia dell’organismo. Bruciare più calorie significa utilizzare le riserve di glicogeno e lipidi nei nostri tessuti muscolari. Cerchiamo di capire quali sono le metodologie che il nostro organismo usa per aumentare le calorie da bruciare in modo da mantenere l’equilibrio calorico.

come bruciare più calorie

Il tessuto adiposo (Brown Adipose Tissue) è regolato dal sistema nervoso parasimpatico, in grado si attivare la lipolisi ed accelerare il metabolismo. Questa funzione delle cellule adipose è fondamentale per modificare il consumo energetico e le calorie bruciate giornalmente. Il BAT è un esempio classico di come  il sistema nervoso possa influenzare anche il peso corporeo. Molti ormoni sono interessati in questo meccanismo di regolazione on/off. La Leptina , ad esempio, un ormone secreto dal tessuto adiposo stesso è in grado di attivare il sistema nervoso periferico e centrale segnalando il livello energetico dell’organismo e le sue necessità.

Un segnale della leptina riduce l’appetito e accelera la mobilitazione dei grassi oltre che attivare il metabolismo a livello cellulare. Ovviamente non solo il sistema nervoso risponde a segnali ormonali e controlla le calorie ingerite e bruciate, altri organi come il pancreas ed il fegato rispondono a tutta una serie di ormoni che vengono secreti dallo stomaco, come la gherlina ed intervengono sulla regolazione del dispendio energetico giornaliero

Il sistema, come avete visto è  molto complesso in quanto  ormoni secreti da vari tessuti interagiscono a livello cellulare e neurale per indurre reazioni specifiche sui tessuti, ma anche comportamentali sull’assunzione di calorie e alimenti da parte dell’individuo

Come possiamo allora controllare il quantitativo di calorie bruciate durante il giorno:

1) Lasciare che il corpo si adatti alle temperature ambientali per cui, durante l’inverno copritevi senza esagerare in di modo che vi sia una maggiore attivazione e percezione delle temperature reali stagionali e l’organismo reagisca con un maggior dispendio calorico attivando il tessuto adiposo per mantenere l’omeostasi

2) Svolgere un’attività fisica subito al mattino prima di fare colazione questo perchè il metabolismo a corto di zuccheri , glicogeno epatico e muscolare, manda un sengale chiaro al tessuto adiposo che rilascia un maggior quantitativo di acidi grassi. Le calorie bruciate sono quindi maggiori dato il maggior contenuto energetico dei lipidi stessi.

3) Mantenere una dieta ipocalorica ricca di fibre, carboidrati a basso indice e carico glicemico, meglio se assunti solo a colazione e lipidi monoinsaturi dei quali sono ricchi i semi e le noci, le mandorle. Una dieta ipocalorica associata ad una moderata attività fisica sarà in grado di riattivare il metabolismo.

Il muscolo scheletrico è il solo ad avere il potere di bruciare le calorie assunte; se, quindi, si vuole consumare più calorie, dobbiamo fare esercizi che interessino i gruppi muscolari più grandi e soprattutto il maggior numero di catene cinetiche possibili nello stesso tempo. Questo perchè il debito di ossigeno che viene creato con l’allenamento, durante il riposo, attiva le cellule muscolari a bruciare più grassi e consumare più calorie.

Il consumo calorico giornaliero si può aumentare non solo andando in palestra ma anche cambiando abitudini:

  • in ufficio alzatevi spesso dalla sedia
  •  scegliete sempre di fare le scale
  • se dovete andare a fare la spesa muovetevi a piedi o con la bicicletta.

Tutto questo movimento durante la giornata non farà altro che aiutarvi a bruciare più calorie.

Questa voce è stata pubblicata in Dimagrire e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>