Cibi che rinfrescano: cosa mangiare e cosa evitare

Il caldo è arrivato e dobbiamo scegliere nel modo migliore i cibi da mangiare e quelli da evitare. Esistono cibi rinfrescanti e cibi che aumentano il caldo, ecco un piccolo decalogo per scegliere gli alimenti giusti per combattere le temperature alte.

cibi anti caldo

Questi primi sprazzi di estate ci hanno già accaldato troppo, che si sia in vacanza o meno, il caldo è davvero difficile da affrontare e per questo motivo tutti cerchiamo cibi freschi che possano darci un po’ di sollievo. Alcune volte però i cibi che sembrano rinfrescarci in realtà dopo un po’ possono alimentare la sudorazione e addirittura alzare la temperatura corporea. I cibi normalmente freschi vengono percepiti come rinfrescanti ma in realtà non lo sono, mentre i vegetali e il cibi speziati a lungo andare possono darci più sollievo. Per capire meglio quali sono i cibi rinfrescanti e quelli riscaldanti basta seguire queste semplicissime linee guida.

CIBI RINFRESCANTI

  • Erba cipollina: questa verdurina  contiene un sacco di proprietà tra cui quelle digestive, depurative, antisettiche e contiene davvero tantissimo betacarotene, vitamine e oligominerali che ovviamente aiutano molto in casi di estrema sudorazione. L’erba cipollina è da consumarsi sempre cruda, come condimento di insalate, pomodori, frittate, salmone, patate cotte o formaggi freschi.
  • Cetrioli: sono ottimi da addentare crudi ma anche nelle insalate. Contengono molta acqua sono dissetanti e rinfrescanti, basta un po’ di sale e olio per renderli perfetti e gustosissimi.
  • Albicocche: sono il frutto più estivo che esista, ricchissime di vitamina A che aiuta il trasporto del ferro, rendendolo un ottimo frutto per donne, bambini e soprattutto per persone che praticano sport. Inoltre grazie al calcio, il fosforo, il magnesio e le vitamine B, C,PP contrastano il caldo.
  • Spezie piccanti: molti ritengono che il piccante non si debba mangiare con il caldo ma in effetti è un grande errore. Le spezie infatti facendoci sudare ci rinfrescano. In poche parole grazie all’evaporazione il corpo perde calore e la temperatura si abbassa vertiginosamente, facendoci stare subito freschi.
  • Anguria: essendo un frutto dolce, calma la fame e contenendo acqua ci rinfresca, ristabilisce i liquidi che perdiamo con il sudore e tiene bassa la temperatura corporea.
  • Cibi leggeri : germogli, piselli, alghe, tofu, zucchine, tutti da cuocere in padella o al vapore
  • Thè verde o alla menta: solitamente le tisane sono, nella mentalità comune, una bevanda invernale ma in realtà possono aiutare molto in estate perché riequilibrano i liquidi che si perdono tramite il sudore.

 CIBI RISCALDANTI

  •  Alcolici: la birra e il vino tendono a disidratarci, inoltre essendo dei vasodilatatori gonfiano le vene e surriscaldano la pelle. Ovviamente, in particolare sul viso, i capillari ingrossati possono dare una sensazione di calore molto forte e amplificata.
  • Cereali: questo tipo di cibi sia complessi che integrali sono troppo difficili da digerire e quindi per il corpo è troppo faticoso assimilarle, generando un lavoro inutile che alza la temperatura corporea.
  • Grassi di qualsiasi tipo.
  • Gelato: ci stupirà ma questo tipo di dolce tipicamente estivo è ricco di grassi e ci riscalda. Spesso d’estate molte persone sono solite cenare con il solo gelato poiché è un alimento completo, ricco di carboidrati, proteine e grassi, ma anche fresco. In realtà l’assimilazione del gelato per il corpo è molto faticosa, ci vuole troppa energia e il corpo producendola alza la temperatura e di conseguenza il calore percepite aumenta.

Facendo attenzione all’alimentazione, mangiando le cose giuste, non abusando di alcol, cereali, grassi e ovviamente gelati, si può davvero mangiare bene e restare freschi.

Questa voce è stata pubblicata in Diete, Salute e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>