Alimenti con proprietà antitumorali

cibi antitumoraliDa sempre si sente dire che frutta e verdura fanno bene alla salute e, fortunatamente per noi, la dieta mediterranea prevede un consumo abbondante e costante sia di frutta che di verdure. Ma c’è di più oltre al semplice far bene alla salute: è ormai assodato che alcuni alimenti sono dei veri e propri antitumorali naturali che se da una parte riducono il rischio di sviluppare certe forme di tumore, dall’altra sono utili anche nei percorsi post malattia.

L’azione antitumorale dei vegetali è data dalla presenza di alcune molecole che possono:

  1. rallentare lo sviluppo delle cellule tumorali;
  2. accelerare il processo di apoptosi naturale, ovvero il suicidio programmato delle cellule;
  3. bloccare lo sviluppo dei vasi sanguigni attorno alle cellule malate in modo che queste abbiano difficoltà a nutrirsi e quindi a crescere e moltiplicarsi;
  4. agire sul microambiente delle cellule stimolando il  sistema immunitario in modo da creare un ambiente non idoneo per lo sviluppo delle cellule maligne.

Abbiamo parlato in un precedente articolo di quali sono i cibi da evitare contro l’emicrania, guardiamo invece quali sono quelli anticancerogeni da mangiare e anche in abbondanza:

  • verdure a foglia, come insalata, spinaci, bietola, verza, cicoria…, riducono il rischio del tumore al seno, il più diffuso tra le donne;
  • arance, l’alto contenuto di sostanze antiossidanti (polifenoli), ostacola la crescita delle cellule tumorali e aiuta l’organismo ad espellere le sostanze tossiche potenzialmente cancerogene. Le arance sono specifiche contro il tumore allo stomaco e all’esofago;
  • pomodoro,  l’azione antitumorale è data dalla presenza del licopene, sostanza antiossidante prezioso contro il tumore alla prostata;
  • cavoli e crucifere (broccoli, cavolfiore, cavoletti), contengono glucosinolati, una sostanza liberata durante la masticazione che, legandosi ad altre, stimola la produzione del sulforafano, una potente molecola antitumorale. In particolare il sulforano nei cavoletti di Bruxelles aumenta la velocità con cui l’organismo si disintossica da sostanze nocive, accelera l’apoptosi delle cellule malate, è un battericida naturale capace di inibire lo sviluppo del batterio corresponsabile dell’ulcera e del cancro gastrico. Tutte queste proprietà restano in essere se le verdure vengono cotte, meglio se consumate crude, al vapore o appena scottate in padella;
  • aglio, cipolla, erba cipollina, scalogno, le sostanze antitumorali vengono rilasciate quando, come nel caso dei cavoli e simili, viene rotta la parete delle cellule vegetali durante la masticazione. Le sostanze liberate evitano evitano che venga alterato il DNA delle cellule. E’ obbligo consumarle crude se volgiamo mantenere le prorietà antitumorali di questi alimenti;
  • frutti di bosco, contengono molte sostanze antiossidanti capaci di rallentare lo sviluppo delle cellule cancerogene e di proteggere il DNA da possibili mutazioni. In testa stanno i mirtilli seguiti da lamponi e fragole.

 

L’azione antitumorali di questi alimenti tiene conto però di alcuni fattori non trascurabili: qualità del cibo, tipo di cottura, a crudo, a vapore o scottatura in padella (la bollitura degrada buona parte delle sostanze benefiche), quantità e costanza, è necessario mangiare almeno cinque porzioni alla settimana fra frutta e verdura fra quelle indicate sopra.

Questa voce è stata pubblicata in Salute. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>