Alimenti che fanno dimagrire la pancia.. attenti alle fibre

Ecco un argomento che ha bisogno di chiarimenti: gli alimenti che fanno dimagrire la pancia sono per lo più le fibre idrosolubili se vogliamo eliminare la sensazione di pancia gonfia tipica di un pasto abbondante, mentre, dimagrire la pancia ed eliminare il grasso sottocutaneo nella zona del ventre è invece un altro aspetto.

ridurre girovita

Eliminare il senso di pancia gonfia:

Questo si può ottenere utilizzando dei cibi che siano ricchi di fibre ma aventi il rapporto giusto fra parte solubile ed insolubile. Normalmente la sensazione di pancia gonfia dopo un pranzo, non necessariamente abbondante, è dovuto alla fermentazione batterica di alcuni alimenti non ben assorbiti o digeriti solo parzialmente, che arrivando nella zona dell’intenstino vengono fermentati dalla flora batterica qui presente. Quest’ ultima è rappresentata da diverse specie alcune fondamentali per il nostro buon stato di salute, altre invece solo saprofiti che si nutrono proprio del cibo non digerito e proliferano.  La soluzione per ridurre la pancia gonfia è quella di ascoltare il proprio corpo e quindi organizzare una lista di alimenti che ci portano questo disturbo, eliminando pian piano dalla nostra dieta quei cibi che vengono mal digeriti. Dopo circa un mese di prove sarete in grado di selezionare gli alimenti adatti a voi ed eliminare così  la sensazione di pancia gonfia. Ogni persona presenta diversi tipi di batteri intestinali che reagiscono in modo diverso in base alle condizioni ambientali e alimentari del soggetto quindi la soluzione è sempre quella di sperimentare un’ alimentazione controllata, selezionando i cibi migliori per voi.

Partite dalle fibre, esse sono un buon aiuto, ma bisogna stare attenti. Tutti i prodotti vegetali come frutta ortaggi verdure legumi cereali e tuberi contengono in misura minore o maggiore una certa quantità di fibre alimentari. Le fibre alimentari poichè non vengono digerite e non possono essere assorbite non sono disponibili dal punto di vista nutrizionale e quindi non possono fornire energia al nostro organismo.
Il tragitto della fibra in parte si ferma nel colon dove , come abbiamo accennato , i batteri saprofiti sono in grado di digerirla parzialmente restituendo al nostro organismo gas come, metano, anidride carbonica e idrogeno, oltre che acidi grassi a catena corta come, acetato , butirrato, questi ultimi sono fondamentali in quanto vengono assorbiti dalle cellule dell’intestino e resi disponibili dall’organismo per i processi metabolici.
I gas prodotti invece gonfiano l’intestino ed in alcuni casi estremi possono sfociare in coliti intestinali. Nonostante tutto però le fibre sono fondamentali per la buona digestione e lo stato di salute dell’individuo, il segreto è trovare gli alimenti giusti con il giusto rapporto di fibre.

Le fibre intestinali vengono classificate per lo più secondo le loro caratteristiche fisico chimiche in:

  • Fibre non idrosolubili, come ad esempio la cellulosa, lignina, esse resistono all’azione degli enzimi digestivi e si idratano poco quindi sono in grado di accrescere il volume del bolo e favorire una buona digestione.
  • Fibre idrosolubili, come le gomme, mucillaggini, oligosaccaridi, esse assorbono  molta acqua e si rigonfiano formando una massa gelatinosa che può trasferire il senso di pesantezza e gonfiore della pancia. I legumi ad esempio sono alimenti che possono indurre uno stato di gonfiore generale della pancia a causa della loro componente  solubile.

Il rapporto migliore per un buon stato di salute è quello di consumare come alimenti ricchi di fibre circa 30g con un rapporto 3:1 tra frazione solubile insolubile.

Se parliamo invece di alimenti che fanno dimagrire la pancia riducendo il giro vita e quindi il grasso sottocutaneo il discorso è molto più ampio. Il grasso sottocutaneo che genera inestetismi si accumula per lo più in due zone del nostro corpo:

  • Zona addominale
  • Zona lombare interno coscia

E’ di fondamentale importanza capire che uomini e donne a causa delle loro differenze genetiche ed ormonali hanno una capacità diversa di accumulare il grasso sottocutaneo come riserva di energia: gli uomini tendono ad accumulare grasso addominale, le donne, al contrario  più nella zona dell’interno coscia glutei fianchi. Il grasso addominale è il primo ad essere mobilizzato dall’organismo durante regimi alimentari a ridotto apporto calorico e risponde molto bene anche allo stimolo ormonale generato dall’esercizio fisico. Al contrario il grasso che si accumula sui fianchi e all’interno coscia è più difficile da rimuomere e risponde molto tardivamente a diete e attività sportiva specifica.

E’ comunque provato che la combinazione giusta di alimenti ed un apporto calorico bilanciato unito ad attività sportiva specifica saranno in grado di farvi perdere i kg di troppo localizzati nella pancia.

Gli alimenti per diminuire la pancia sono sempre quelli con un indice glicemico ridotto poichè sono gli unici a evitare  picchi insulinici tali da trasformare le macromolecole dei nutrienti per lo più in grasso e non in energia biodisponibile. Qui di seguito alcuni alimenti che possono aiutarvi a dimagrire la pancia:

  1. Pane di segale con pasta acida
  2. Pane di soia con semi di lino
  3. Pane integrale all’orzo
  4. Pane nero
  5. Cereali in chicchi interi o macinati
  6. Fiocchi d’avena
  7. Fiocchi di crusca
  8. Quinoa
  9. Riso integrale
  10. Pasta integrale
  11. Tortellini al formaggio
  12. Arancia
  13. Avocado
  14. Ciliegie
  15. Mela
  16. fagiolini verdi
  17. Funghi
  18. Lenticchie
  19. Patate dolci
  20. Piselli secchi
  21. Melanzane
  22. Pomodori
  23. Ravanelli
  24. Sedano
  25. Soia
  26. Spinaci
  27. Zucchine
  28. Semi di lino
  29. Semi di girasole
  30. Semi di sesamo
  31. Semi di zucca
  32. Mandorle
  33. Cioccolato fondente 70%
  34. Latte di soia
  35. Pesce
Questa voce è stata pubblicata in Dimagrire. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>