Acne da stress: ecco come curarla

acne da stress rimedi
L’acne è una delle più diffuse malattie della pelle che, contrariamente a ciò che si pensa non colpisce solo giovani e adolescenti.

Sono molte le cause della formazione dell’acne, ma recenti studi dimostrano che lo stress influisce in maniera importante nella formazione di brufoli e pustole tipiche di questa malattia. Recentemente i ricercatori dell’Università di Stanford, California, hanno dimostrato con un esperimento che la formazione dei brufoli aumentava del 25% negli studenti prossimi ad un esame universitario e la loro presenza perdurava fino a sette giorni dopo l’esame.

Questo avviene a causa della forte tensione che, in alcuni soggetti, dà il via ad un processo biologico che porta alla produzione di pustole e foruncoli. L’organismo infatti attiva la produzione di particolari ormoni come il Dhea e l’androstenedione, che hanno origine nelle ghiandole surrenali. Questi ormoni poi, tramite processi bio-chimici, diventano ancora più potenti e attivano a loro volta dei recettori presenti nelle ghiandole sebacee, responsabili della maggiore produzione del sebo e quindi delle impurità della pelle.

Queste impurità come i brufoli, gli arrosamenti, le papule e le cisti, non sono altro che infezioni batteriche aventi origine dal sebo in eccesso che si accumula sotto la pelle causandone appunto l’infezione.

Purtroppo il manifestarsi di questa malattia è dovuto a svariati fattori, da quello genetico a quello ormonale, ed è sempre bene affidarsi ad un buon dermatologo per scoprire la fonte del problema.
Come tante sono le cause dell’acne, altrettante sono le possibili cure, non sempre efficaci, che dovrebbero portare alla risoluzione del problema.

Nel caso dell’acne da stress, più frequente in età tardiva, i rimedi sono:

  • cercare di rilassarsi (sicuramemte più facile a dirsi, che a farsi);
  • avere una buona igiene personale avendo cura di detergere il viso con saponi specifici e non aggressivi;
  • utilizzare delle creme specifiche. I granuli di Pulsatilla ad esempio offrono un ottimo aiuto naturale al problema insieme alla propoli che ha un elevato potere antibatterico e antinfiammatorio. Quest’ultima si applica sotto forma di unguenti e impacchi da applicare nelle zone interessate.

L’acne è un tema molto trattato, per cui è facile imbattersi in false credenze e mezze verità. Per fare chiarezza ecco cosa è vero e cosa no:

  • non esistono cure miracolose che promettono una guarigione semplice e al 100% efficace;spesso non sempre è così e in molti casi occorrono diverse settimane o mesi di cure ininterrotte per sconfiggere il problema:
  • non bisogna MAI schiacciare i brufoli, rischiando di aumentare l’infezione.
  • i brufoli aumentano con l’arrivo delle mestruazioni, più precisamente la situazione peggiora con l’arrivo dell’ovulazione;
  • è meglio evitare le lampade abbronzanti per evitare di irritare ulteriormente i pori;
  • le pillole anticoncezionali migliorano la situazione grazie alla loro componente progestinica ad azione antiandrogenica.
  • dopo la gravidanza in caso di acne, la situazione migliora.
Questa voce è stata pubblicata in Dimagrire. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>